Comunicazioni di servizio

Innanzi tutto grazie a ciascuno di voi lettori. Siete già un discreto numero, ma confidiamo siano sempre più tanti gli shiatsuka (e non) che vengono a visitarci, perciò sarebbe bello che ci aiutaste a diffondere sempre più il nostro blog tramite mail, siti delle Unità Locali, Facebook…
Non siate timidi e commentate i post: più discussioni nascono e più spunti avremo per nuovi argomenti che, quindi, saranno calibrati sui vostri interessi. E’ assai dispersivo andare alla cieca: se pubblichiamo un articolo sui cinque movimenti e uno sulle mappe dei meridiani nei grandi mammiferi marini, come facciamo a sapere quale dei due vi interessa di più se non ce lo dite?
Un’ultima cosa riguardo l’iscrizione al blog. Da alcune domande ricevute pare ci sia un po’ di confusione. Abbiate pazienza, a volte do per scontate cose che magari non lo sono.
Per commentare i vari articoli non è assolutamente necessario essere iscritti: basta cliccare sulla parola “commenti” in fondo ad ogni post, inserire il proprio nome e il proprio indirizzo mail (che resterà anonimo) e, poi, il vostro commento.
L’iscrizione al blog serve solo per essere avvisati ogni volta che viene aggiornato. Per farlo è sufficiente che inseriate il vostro indirizzo di posta elettronica nell’apposito campo sull’ultima colonna a destra e che clicchiate sul tasto “iscrivimi”. Attenzione: riceverete una mail (in inglese, purtroppo) che vi chiederà di confermare l’iscrizione. Dovete cliccare sul link che appare sotto la scritta “Click the following link or copy it into a browser” e che appare, più o meno, così: “http://subscribe.wordpress.com/?key=eccetera eccetera“.

Nei prossimi giorni la redazione del blog sarà impegnata in compiti istituzionali e, quindi, è probabile che non pubblicheremo nuovi articoli. Ma quelli vecchi non sono scaduti! Voi spulciate negli archivi e leggete, se non l’avete già fatto, i post già pubblicati. Se volete, lasciateci le vostre impressioni e i vostri contributi: saremo lieti di rispondere al nostro rientro.

Però, adesso, non vi lasciamo soli: Attilio ha scovato questo video straordinario. La più estesa jam-session del mondo, credo. Non sono certo ricchi o famosi, ma la loro musica tocca i Cuori… Buon ascolto e a presto!

Annunci

8 thoughts on “Comunicazioni di servizio

  1. Wuhuauuu … !!!
    questo video mi ha “aperto” la giornata….
    è SPLENDIDA questa possibilità di unione di popoli in giro x il mondo.
    Grazie 🙂
    besos…

    • davvero magnifico, vero?
      …però, rileggendo, non è neppure male l’idea dell’articolo sulle mappe dei meridiani nei grandi mammiferi marini, secondo me… 🙂
      buona giornata, Zia Lu…

      G.

  2. Ma nei grandi mammiferi terrestri di natura umanoide, i meridiani sono più larghi??? siccome che ultimamente ero li abbarbicato ad un paio di esemplari di stazza assai ragguardevole e nelle mie evoluzioni pressorie mi avvalevo dei miei seppur sovradimensionati pollicioni, mi sorgè testè il dubbio…ma in questi soggetti ricchi di molteplici virtù, non ultima la estensione superficiale, i meridiani che noi abitualmente filiamo come la miglior Berta di ogni brano, son più larghi? si manifestano come il delta del nilo? oppure insistono in una loro recondita filodiffusione capillare a testimonianza di un esile passato che fu proprio anche del portatore? No perchè ritengo che la questione sia di tutt’altro che secondaria o terziaria risonanza…mi spiego o ci provo…il mio pollicione si profonde in una amorevole, ma vigorosa pressione che intercetta il nostro formidabile meridiano tutto fare e questo fa si che come quando si schiaccia la canna dell’acqua per annaffiare i fiori, il qi (fatemi fare la battuta, si la faccio, no non la faccio, ma mi scappa…ecco…..il qi-ccione…ah, ah, ah, l’ho fatta!) ne risente e cambia velocità, portata, flusso, ma se il mio seppur rispettabile strumento di lavoro è l’equivalente di uno stuzzicadente nel Ticino in piena, che influenza potrò avere in cotanta estensione corporea? non sarebbe più utile usare dei sani palmari che almeno sto meridianone riescono ad agguantarlo tutto?
    Lascio alla vostra esperienza l’ardua trattazione e non fate gli gnorri che sotto sotto c’è del serio……

    • quanti e quali interrogativi di cotal ragguardevole portata… io potrei proporre un progetto all’acquario di genova e iniziare dal piccolo, trattando delfini e lamantini, tanto per avere un’idea delle mappe. se funziona, potremmo provare a frequentare assiduamente le barche del whale-watching che salpano dal porto antico due volte a settimana e, appena si avvista un capodoglio, produrci in trattamenti lampo nel mentre che l’animalone resta in superficie per rifiatare. in fase di immersione la vedo dura: quei bestioni se la navigano a quasi un chilometro di profondità…
      per quanto riguarda lo strumento da utilizzare, il gomito lo vedo troppo fine. si potrebbe andare col ginocchio oppure prendere direttamente a spallate i percorsi.
      apriamo un dibattito?

      • ah, ops… il misterioso Ugo parlava di “grandi mammiferi terrestri di natura umanoide”. scusa: ero ancora nel trip “megattere e affini”…
        non saprei che dirti, tranne proporre il mio corpicione sacrificandolo alla causa (da non scartare l’utilizzo delle spallate, secondo me…).
        ecco. ora torno a fantasticare sui cetacei…

  3. Sono molto contenta di questo blog che mi offre uno spazio comune in cui incontrarmi con i miei compagni di viaggio lontani.
    Scrivo qui perché ci solleciti a non essere timidi, e volevo infatti chiederti: si può scrivere anche o semplicemente commentare?
    Cioè si può proporre un argomento, o è riservato agli autori?
    Saluti a quelli che conosco.
    Vai, continuate così!

    • Cara Francesca, benvenuta!
      Qui si può fare un po’ ciò che ci pare (entro certi limiti…) per cui se trovi un articolo che ti aggrada, commenta pure a ruota libera. Se invece volessi scrivere un articolo, o proporre un argomento da sviluppare, puoi mandare il tutto via mail al mio indirizzo (ultima colonna a destra: “amministratore”). Potremmo pubblicarlo (ovviamente con la tua firma) oppure passare il compito di sviluppare l’argomento ad uno degli autori (a seconda del campo di interesse).
      Stiamo allargando la rosa degli autori. Ci saranno belle novità!
      Intanto grazie ancora del tuo intervento e a presto!
      G.

  4. I veri ricchi sono coloro che donano tutto senza chiedere niente; il loro essere famosi e impresso nel cuore di chi ha avuto la fortuna d’incontrarli, io li ho incontrati.
    con il loro canto, come espressione del cuore, mi hanno fatto sentire in famiglia e coccolato dal calore umano, mentre percorrevo le strade dei quartieri di New York in occasione dell’ultima omonima maratona. I bambini mi hanno sottoposto ad un trattamento shiatsu, quando con la loro manina toccavano la mia, per il fatidico “Batti cinque”. Morale: “Impariamo da questi piccoli ma soprattutto spontanei gesti per STARE MEGLIO”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...