PICCOLE CRONACHE DI SHIATSU-DO DA CUBA

Image1744262854
Il periodo 2015-2016 ha visto cambiamenti importanti nella vita dei soggetti promotori del progetto Shiatsu-Do a Cuba non solo di Francisco ma anche di Julio Cesar Zaldivar, responsabile del Convento di Belen ed ora inserito nel settore dei lavoratori autonomi, e di  Antonio Montero, anima del progetto Integr-accion armonica mente-cuerpo y medio-ambiente che si è trovato ad affrontare responsabilitá familiari inderogabili.

Dei loro sentimenti e future proposte iniziative per lo Shiatsu-Do, erano stati emozionati testimoni gli amici italiani Bernardo, Antonio e Giovanna, protagonisti di un viaggio di conoscenza per me indimenticabile e irripetibile.

Un anno in tono minore per lo shiatsu, anche sullo sfondo di  cambiamenti sociali ed economici dagli sviluppi difficili da prevedere, ma che tuttavia ha proposto momenti rassicuranti sulla continuità della storia cubana. Il merito principale va alla nostra istruttrice Isabel Llamo che, pur continuando un suo percorso personale di formazione in altre discipline, ha garantito la continuitá delle attività principali della scuola nei locali del Centro Danza Retazo ormai da anni la nostra casa.

In questo spazio sono continuati gli incontri per la formazione degli operatori concludendo un 2°p.p., alle cui lezioni aveva partecipato anche l’amico Bernardo Corvi, e si è concluso un primo percorso.

A conferma che lo spirito dello Shiatsu-Do italocubano continua a manifestarsi nei corsi, cito parte della relazione di Alba, una studentessa del 1°p.p.:

Lo Shiatsu-Do mi ha fatto vedere le cose da un punto di vista differente, allevio i dolori profondi di mia madre, tolgo la stanchezza dopo una lunga giornata di lavoro al mio compagno, mio figlio non si addormenta senza prima un massaggino.

Oggi posso dire che lo Shiatsu-Do è pace, armonia, energia ,amore, lo Shiatsu-Do è vita ed ha cambiato la mia vita.

E sono continuate le attività saltuarie ma che, in ogni caso, consolidano la fama del locale come sede dello Shiatsu-Do italocubano: trattamenti durante i corsi di uke volontari o di ballerini e personali della scuola di danza, trattamenti offerti agli artisti partecipanti al Festival del Teatro di strada, laboratorio per adultos mayores

L’esperienza più importante, perchè conferma la nostra presenza ed il riconoscimento che riceviamo dalle istituzioni per gli anziani, è stato il ciclo di trattamenti presso il Convento di San Agustin dell’Habana Vieja. Ogni giovedi pomeriggio 6 ospiti ricevono trattamenti da un gruppo di operatori ed ancora una volta ritroviamo nelle persone quella gioia, quella luce negli occhi, quell’affetto che abbiamo conosciuto bene con gli anziani nel convento di Belen, per dirci che da tempo non ricevevano una tale dichiarazione d’amore…

Quest’esperienza è stata possibile grazie alla disponibilitá di un gruppo di operatori, ai quali va il mio sincero ed affettuoso ringraziamento, a partecipare ad un ciclo intenso di incontri finalizzati appunto al trattamento con gli anziani.

P1020697

CONTATTI IN CANTIERE E SOGNI NEL CASSETTO

La conferma è la dichiarazione di Antonio Montero sulla possibilità reale di riprendere le esperienze comuni una volta risolta la sua situazione familiare, l’inizio per settembre/ottobre di un secondo percorso con Isabel, la probabile continuazione dei trattamenti con gli anziani visto l’accoglienza entusiasta, disponibilità degli operatori cubani permettendo, la proposta da parte del responsabile del Centro di Meditazione dell’Habana di organizzare attività di Shiatsu-Do coinvolgendo i propri iscritti, che sono centinaia. Questo è quanto mi scrive:

Dichiarazione di Juan Davila responsable del Progetto Meditazione alla Habana in collaborazione con l’associazione messicana ARTE DE VIVIR

Cuando regreses de Italia quiero conversar contigo. Pienso que podemos hacer algo de shiatsu en la Asociación. Quizás una charla y un curso.
Cualquier otra cosa en la que te pueda ser útil, me dices. Será un placer servirte.
Avisa cuando regreses y escribe cuando quieras.
Un abrazo,
Juan Dávila.

Il proseguo degli incontri col gruppo animatore e coordinatore della varie iniziative di Haciendo Almas, vista l’amicizia e la stima reciproca che ormai ci lega da anni, ci permetterà di continuare a diffondere le nostre attività in tutta Cuba.

Un ultimo contatto che potrebbe rivelarsi come lo scoop più importante è quello col Centro Culturale Romerillo ideato da Kcho l’artista cubano più importante a livello istituzionale (sua la donazione del Cristo crocefisso all’isola di Lampedusa in ricordo degli emigranti morti nel mediterraneo). Un incontro con la responsabile culturale ha verificato l’interesse e la disponibilità ad una collaborazione. Stimolato dall’accoglienza presento un progetto che ben presto mi rendo conto essere troppo ambizioso e mi convinco dell’opportunitá a proporre una prima esperienza di trattamenti verso settembre.

Ricevo questa sua email

Caro Francisco scusi il ritardo per rispondere, gradisco che citi il nostro centro durante la sua assemblea. Intendo perfettamente le motivazioni, non si preoccupi al suo ritorno conversiamo e concretiamo le idee precedenti

LEYSI RUBIO

Responsabile culturale del Centro Romerillo Playa La Habana

Conclusioni

Io credo che uno dei motivi del grande fascino che Cuba esercita su alcuni occidentali dipenda dal fatto che, anche se spesso ti può deludere, almeno dal tuo punto di vista occidentale e privilegiato non ti delude mai tanto da toglierti la voglia di continuare a sognare assieme ad alcuni amici cubani.

Ditemi voi cari lettori concittadini se è da poco…

Annunci

INNO NAZIONALE DI CUBA APRE LA CERIMONIA DELLA CONSEGNA DEI DIPLOMI DI PROMOTORI DI SHIATSU DO

SAM_4509Pur riconoscendo la consuetudine cubana di cantare l’inno nazionale nei momenti significativi della vita sociale come per esempio l’inizio delle lezioni scolastiche, sentirlo in occasione della cerimonia della consegna dei diplomi di operatore di Shiatsu Do in concomitanza del 13° anniversario delle attività del Progetto Comunitario Integr-Accion Armonica, altra coincidenza non marginale, mi ha procurato una strana emozione come se la più che decennale esperienza cubana, con la sua mappa originale e imprevedibile di luoghi ed eventi, ci avesse portato infine in un luogo e tempo dove lo Shiatsu Do potesse vivere una cubania perfetta.

Così iniziò una cerimonia di cui mi risulta difficile scriverne il resoconto perchè le splendide parole, gli abbracci come tra amici di antica data, i sentimenti eco di nobili parole che riconoscevano lo Shiatsu Do degno dei loro ideali e delle loro utopie, tutto questo diventa retorico se non vissuto condividendo le vite di queste persone con tutti i dettagli della quotidianità dove, con poche risorse ma molta generosità, si affrontavano e si risolvevano le difficoltà del trasporto dell’alloggio, del cibo.

Sento come un pudore a raccontare senza che i miei ipotetici lettori possano condividere in loco l’umanità, la generosità e l’affetto di quelle persone.
Per dovere di cronista mi limiterò a dire che la cerimonia di consegna dei diplomi di onore al sottoscritto ed ai promotori di Shiatsu Do si è svolta in una atmosfera dove la parola insolita ed esotica “Shiatsu Do” era tradotta in altre parole facilmente riconosciute: affetto, fiducia, ben-essere, condivisione, passione per un futuro di pratica e diffusione.

Molte volte nella mia lunga storia di shiatsu cubano mi sono sentito sfiduciato ed incerto a proseguire, ma questa esperienza questo incontro questi abbracci mi hanno consolato e confermato che i tempi della vita non sono i tempi dell’io e sempre la vita, se uno continua ad avere fiducia, ricompensa e riequilibria.

A suo modo, quando come e dove lo ritenga opportuno.

Mai, nei miei sforzi mentali di individuare scenari realistici e possibili per lo Shiatsu Do cubano, ho potuto prevedere questo capitolo della storia, a conferma che lo Shiatsu Do è imprevedibile come la vita.

Come mi consigliavano i saggi taoisti e come mi ricordò l’anziana signora del convento di Belen dopo un trattamento:

Lo Shiatsu Do è la Vita.

Gli abbracci i sorrisi le parole affettuose di ciascuna di quelle persone non erano altro che l’eco commosso di questa parole.

Shiatsu Italia-Cuba: ultime notizie

SAM_3415

SINTESI DELLA DICHIARAZIONE DI ANTONIO MONTERO SULLO SHIATSU DO E SULLA COLLABORAZIONE CON L’ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ITALIANA

Una cooperación familiar por un servicio prospero al mejoramiento humano”

Por: Antonio Montero Averhoff

El título de este escrito es la manera en que el Proyecto Comunitario Escuela “IntegrAcción Armónica” ve los lazos de fraternidad, solidaridad y de cooperación; que se han comenzado a desarrollar entre la “Asociación de Voluntarios de Shiatsu Do” de Italia, a través de su representante en Cuba Francisco Contino y nuestro Proyecto – Escuela.

 DSCN0234

Si è concluso il secondo seminario di formazione per promotori di laboratori di Shiatsu Do in Santa Fè nella città dell’Habana nei giorni 13-14-15 dicembre come previsto dall’accordo realizzato tra l’Associazione Italiana di Volontariato e quella Cubana di Integr-accion Armonica.

Per dare l’idea dell’atmosfera che pervade questi incontri mi sembra opportuno ricordare alcuna parole scritte dal presidente Antonio Montero dopo la precedente formazione di promotori.

Una cooperación familiar por un servicio prospero
al mejoramiento humano.”

SAM_3384

Così definisce Antonio Montero il progetto in comune e segue

12 istruttori terminarono col programma di Promotori di Shiatsu Do in mezzo a difficoltà di ogni tipo e pur sapendo che devono raggiungere un livello superiore di conoscenza tutti amano con intensità questa nuova pratica e questo è un fatto reale. Il nostro progetto ha come finalità offrire relazioni fra le persone per scoprire un modo di vivere con più salute fisica e mentale,rispettando le individualità e nello stesso tempo fornendo relazioni di affetto, simpatia e rispetto.

Lo shiatsu Do, che ci presenta Francisco, a nome dell’Associazione Italiana e della scuola cubana, costituisce uno degli strumenti che acquistano ogni volta una importanza maggiore perchè esprime una profonda coincidenza coi principi ed i fondamenti della IntegrAccion Armonica.Riceva l’Associazione Italiana un fraterno saluto in nome di tutti i nostri membri, sappiano che possono contare su di noi per diffondere questa meravigliosa opera non solo nel nostro paese ma anche per altre zone dell’America. Le nostre porte sono aperte per riceverli e compartire esperienze di Shiatsu Do mediante il quale possiamo rendere un poco più felici i membri della nostra specie umana.”

SAM_3387

Ricordare alcuni dei commenti così sintetici e così rivelatori come:

Indimenticabile, Toccare e Sentire che ti toccano col cuore, Fenomenale, Esperienza unica, Felicità, Una possibilità in più per conoscersi meglio, Un incontro con la propria interiorità per scoprire quanto possiamo dare agli altri… “

DSCN0239

Permette di capire quanto una semplice esperienza possa cambiare il nostro modo di vivere la relazione con l’altro perchè come diceva il maestro Namikoshi lo Shiatsu Do ci fa incontrare l’altro con il puro affetto materno che non giudica e che ci rassicura che possiamo avere fiducia. Almeno per il tempo di un incontro di Shiatsu Do. A febbraio nella cittadina di Colon ci sarà il secondo incontro di formazione e la cerimonia di consegna dei relativi attestati per i partecipanti del primo e secondo gruppo, quindi si annuncia una grande festa. Vorrei concludere invitando gli amici italiani che leggeranno questi resoconti a ricordare che queste emozioni sentimenti progetti non si realizzano nei confortevoli locali delle nostre sedi, ed ogni aspetto organizzativo come ci ricordava Antonio Montero significa difficoltà di ogni tipo.

Che la vostra simpatia, apprezzamento, affetto, si possa tradurre in solidarietà per realizzare un sogno comune è l’augurio più sincero che io e gli amici cubani dello Shiatsu Do possiamo inviarvi.

DSCN0229

Senza dimenticare…..FELICIDADES POR EL 2014 

Cuba: “Pan Alegre” e “Shiatsu Alegre”…

DECLARACIÒN DE AMISTAD ENTRE EL PAN ALEGRE Y EL TOCAR ALEGRE DEL SHIATSU DO

Da molti anni io e Francisco lavoriamo a Cuba in progetti di volontariato a a favore delle comunità per una migliore qualità della vita. Ci siamo conosciuti grazie all’amicizia comune di Ludovico il promotore del progetto comunitario Haciendo Almas.

Las-manos-carinosas-del-shiatsu-do-2012-4Dopo un incontro organizzato da Madeleine su EL PAN ALEGRE ed il riciclaggio dei rifiuti mi venne da dirle:

Guarda Madeleine noi trattiamo soprattutto anziani e il fatto più importante è l’allegria che le persone manifestano alla fine.

Tu parli del PAN ALEGRE però come tu sai non si vive di solo pane, per cui si può parlare di EL TOCAR ALEGRE!

el-pan-alegre-alemania-6julio-14Ora tu potresti dirmi che questo lo capisci parlando di sentimenti, però che penseresti se ti parlo di una similitudine col riciclaggio dei rifiuti?

Mi permetto una piccola riflessione. Tutte le persone hanno tensioni croniche che sono il ricordo di violenze, rabbie, dolori, ferite del passato a causa di esperienze ormai finite che tuttavia rimangono nella memoria del corpo: sarebbe come conservare lattine e scatole vuote, oggetti rotti credendo che siano ancora piene e funzionanti.

Quando si riceve lo Shiatsu Do le persone (o, meglio, i loro corpi) si rendono conto di quello che succede, riconoscono che tutte le tensioni croniche sono rifiuti e, come tu sai molto bene, tutto è energia! Le persone possono di nuovo utilizzare l’energia di queste vecchie emozioni per vivere nuove emozioni.

Taller-Shiatsu-Do-con-niños-y-niñas-en-el-Grupo-Retazos-enero-2013-53RICILANO L’ENERGIA DI VECCHIE ESPERIENZE CHE NON ESISTONO PIU’ PER VIVERE NUOVE ESPERIENZE!

Per questo penso che si possa parlare dello Shiatsu Do come PRATICA PER RICICLARE LE VECCHIE ESPERIENZE ED EMOZIONI

E se tu pensi alla quantità di tensioni croniche che ci sono nelle persone, tu puoi intendere davvero quanta energia si potrebbe riciclare per nuove esperienze, emozioni e soprattutto

FELICITA’ MANGIANDO EL PAN ALEGRE E TOCCANDO CON EL SHIATSU DO ALEGRE

03-ElPanAlegre

Per queste riflessioni i responsabili del progetto EL PAN ALEGRE e LO SHIATSU DO EN CUBA dichiarano un ACCORDO DI AMICIZIA FRA I DUE PROGETTI:

Per diffondere le iniziative e sostenere le iniziative di entrambi i progetti utilizzando le proprie reti di contatti e pubblicazioni.

Così che si possa cucinare e mangiare EL PAN ALEGRE con le mani dello SHIATSU DO ALEGRE

PER IL PROGETTO EL PAN ALEGRE

Madeleine Porr
PER IL PROGETTO SHIATSU DO A CUBA

Francisco Contino
La Habana Aprile 2013

STORIA DEL PROGETTO “Convento di Belen”: PASSATO, PRESENTE E FUTURO

100_1257Come ricorderanno gli affezionati lettori, il Convento di Belen è l’istituzione più importante e prestigiosa della Habana, direi di Cuba, per le attività di sostegno agli “adultos mayores” (anziani).

Vero fiore all’occhiello del governo locale, guidato dal carismatico Historiador de La Habana, Eusebio Leal, situato negli splendidi locali ristrutturati in un’area degli immensi spazi dell’antico Convento di Belen, ha conseguito un indiscusso prestigio nazionale ed internazionale.

In questa istituzione dove entrare non facile per il rigore nella scelta delle collaborazioni, si è realizzato quello che riteniamo il progetto più importante e coinvolgente della nostra storia cubana tanto da meritare l’appellativo “il cuore dello Shiatsu Do a Cuba”

IL PASSATO

P1000137Superato l’esame di ammissione abbiamo iniziato, io e due operatrici cubane, i trattamenti con gli anziani. I risultati riconoscibili a vista, i commenti delle persone, il loro affetto e la loro richiesta di ampliare la attività, hanno sciolto i dubbi e le ansie di verifiche scientifiche dei responsabili del Convento, (ricordo la lettera del direttore che confermava i cambiamenti positivi sul piano fisico, osteoarticolare e spirituale delle persone trattate), hanno convinto della efficacia dello Shiatsu Do e dell’opportunità di estendere il servizio per cui fu firmato l’accordo per realizzare un Corso di formazione di operatori per anziani con l’avallo della Cooperacion Internacional della Habana.

Il corso si è concluso in febbraio con la consegna di 12 diplomi a nuovi operatori durante una calorosa assemblea generale degli ospiti che hanno accolto con entusiasmo la notizia della futura ripresa dei trattamenti allargata a più persone. Non è casuale che il responsabile dello Shiatsu Do nel Convento, Julio Cesar Zaldivar, mi confessava che sì loro proponevano il medico ma quelli rispondevano che volevano lo Shiatsu Do!

IL PRESENTE

Attualmente un gruppo di 4 – 5 operatori cubani, a cui si aggiunge il sottoscritto quando è a Cuba, tratta un gruppo di ospiti ogni giovedì pomeriggio per un ciclo di 4 trattamenti. Ancora volta l’aspetto più toccante di questi incontri è il cambiamento luminoso del loro viso, il loro sorriso ed il loro calore quando ci abbracciamo. Qualcosa di profondo è cambiato nel loro modo di sentire la vita, invisibile ma non per questo meno importante: si sono riconciliati con la loro vita per come si manifesta e sono felici e grati.

L’immagine della signora che si alza e con la espressività della sua cultura afro cubana ride e quasi canta e balla per il essere ritornata, come dichiara al gruppo, allo spirito ed ai desideri degli ahimè ormai lontani 15 anni, credo che sia una delle più belle immagini a raccontare della gioia della vita quando immemori dello specchio ci si lasci pervadere della sua incontenibile vitalità.

I trattamenti fanno ora parte delle attività fisse del Convento, augurandosi che si possa sostenere gli operatori cubani nel loro impegno, non facile da conciliare con le difficoltà e le esigenze della vita quotidiana, aspetto che rende l’attività di volontariato cubano (tutte le attività esterne nel convento non sono retribuite) così impegnativa e diversa da quella che conosciamo in occidente.

IL FUTURO POSSIBILE

100_1895I risultati ottenuti e l’atmosfera di fiducia che si è creata tra l’associazione di volontariato Shiatsu Do e i responsabili del Convento hanno convinto gli stessi ha proporre un nuovo corso di formazione per operatori Shiatsu Do ancora più ambizioso:

PROGETTO DI FORMAZIONE OPERATORI DI SHIATSU DO PER GIOVANI CON RISCHIO SOCIALE E CULTURALE DELLA COMUNITA´ DI BELEN NEL MUNICIPIO DELLA HABANA VIEJA

Dopo l´esperienza di trattamenti con gli anziani del Convento de Belen e la realizzazione del primo corso di formazione d´operatori di Shiatsu Do per anziani l’associazione di volontariato presenta un nuovo progetto che ha lo scopo di fornire una formazione di operatori a livello professionale che possa aiutare i giovani in un processo d´integrazione sociale, culturale ed economica.

Dalle varie motivazioni presenti nel testo del progetto stralciamo alcune frasi:

…Il progetto ha lo scopo di fornire una formazione di operatori a livello professionale che possa aiutare i giovani in un processo d´integrazione sociale, culturale ed economica…

…Per le caratteristiche della formazione che è integrale… gli studenti alla fine físicamente godono di una migliore vitalità, sono più rilassati e sicuri nell’affrontare le sfide della vita quotidiana e soprattutto riconoscono il valore delle persone qualunque siano le caratteristiche perché piu´ sensibili all’aspetto umano per i suoi valori spirituali piuttosto che materiali…

…Le esperienze di trattamenti che si realizzano nel corso e nel tirocinio esterno con amici, familiari, vicini, per le manifestazioni indubbie di gradimento e di affetto, migliorano di molto la personale valutazione ed autostima…

Lo Shiatsu Do è soprattutto una nuova maniera di relazionarsi con gli altri, maniera che non si manifesta solo per il tempo dei trattamenti ma in tutte le relazioni: lo Shiatsu insegnato dalla nostra e dalla scuola cubana è una metafora di una maniera differente di vivere la vita e le relazioni interpersonali.

Il corso dovrebbe essere realizzato nei nuovi locali di un altro ex convento splendidamente restaurato e seconda casa di accoglienza per adultos mayores.

L’idea di praticare lo Shiatsu Do in spazi dove si respira ancora l’atmosfera di pensieri e sentimenti in contatto col divino procura una particolare emozione al pensiero di esserne sfiorati e rende l’idea del progetto particolarmente affascinante sul piano psicologico, sociale ed anche didattico, perchè sicuramente gli obiettivi non sono dei più facili e scontati.

Da Cuba, un sentito ringraziamento…

La familia– de operadores y adultos mayores, quiere que esta foto sea el recuerdo de todo el cariño compartido y vivido, al final del ciclo de los tratamientos de Shiatsu-Do en el Convento Belén (Avana/Cuba) deseando que lo más rápido posible,  se pueda ver una segunda foto, una tercera,…

La famiglia– operatori e gli anziani, desidera che questa foto sia la memoria di tutto l’amore condiviso e vissuto, alla fine del ciclo di trattamenti Shiatsu-Do al Convento di Belén (Avana / Cuba) Desidera inoltre che al più presto sia possibile, vedere una seconda foto, e una terza…

Un ringraziamento particolare a coloro che hanno reso possibile tutto questo: la generosità di Bernardo Corvi, che ha regalato i tatami, e di Ezechiella e Dolores di Parma che hanno provveduto alla spedizione.