Tabiano – 24/26 marzo 2012: seminario finale 2°PP, corsi di Bologna, Mestre, Milano e Parma

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altri momenti che chiudono un percorso e ne aprono un altro: i gruppi di Bologna, Mestre, Milano e Parma concludono a Tabiano il loro 2° Percorso Professionale… Ecco qui le foto che, per chi volesse, si trovano anche nella sezione “Download” nella colonna di sinistra, in  Home Page sul nostro blog!

Una possibilità di creare bellezza…

Parlando, nel corso di una serata di pratica a Bologna, dell’associazione e della partecipazione alla sua vita, Raffaele mi chiedeva se questo valesse anche per lui, che non si è formato qui da noi.

Raffaele si è infatti “diplomato” alcuni anni fa a Como, e da un po’ lavora a Bologna, tornando a casa nei fine settimana. Da circa un anno frequenta la nostra sede, partecipando piuttosto regolarmente alle serate di pratica.

Spiegandogli come lui e tutti gli altri soci “fossero” l’associazione – indipendentemente da ruoli, esperienze, etc. – e questa esistesse unicamente perché loro esistono, mi sono reso conto di come ancora adesso questo concetto non sia ben chiaro a chi ci frequenta (Bologna ma anche le altre sedi). Continua a leggere

Shiatsu, Transfert e Controtransfert: breve analisi del rapporto tra Tori e Uke.

E’ da qualche giorno che leggo e rileggo l’intervento di Valentina sulla “Panchina al parco”, a proposito di transfert e controtransfert. Trovo che l’argomento trattato sia molto interessante, spesso viene affrontato dagli allievi nei corsi, altrettanto spesso è oggetto di confronto con operatori di altre Scuole e formazioni.

Premesso che non so praticamente niente di psicoterapia, di transfert e compagnia bella, posso però accennare alla mia esperienza in ambito shiatsu in merito al tema.

Continua a leggere

I Cinque Sensi e lo Shiatsu – Seminario di Pasqua in Valsamoggia

Lo shiatsu si fa con le mani (e con i gomiti e le ginocchia, a volte) e quindi il senso principalmente coinvolto è – apparentemente – il tatto.
Pratichiamo e studiamo per affinarlo, facendo miliardi di pressioni, concentrandoci sulle sensazioni che palmi e pollici ci trasmettono, avvertendo caldo, freddo, tensioni, vibrazioni strane e mille altre cose interessanti.
In realtà sembra che ciò che percepiamo derivi dall’integrazione di più informazioni registrate da sensi diversi, che il nostro cervello “miscela” e trasforma in qualcosa di senso compiuto. Continua a leggere