Shiatsu per l’Emilia: Concordia, ultimo aggiornamento

Eccoci qua pronti a comunicare a tutti che questo sarà l’ultimo bollettino di aggiornamento da Concordia. Lo scorso week end di trattamenti ha infatti segnato ufficialmente la conclusione del progetto.

Quando qualche pomeriggio fa, valutando attentamente la disponibilità di volontari, ci siamo visti costretti a prendere la decisione che il 30 settembre sarà l’ultimo giorno di presenza a Concordia, un velo di tristezza misto ad insoddisfazione è calata su di noi.
Entrambi siamo intimamente convinti che non si può mandare avanti una cosa del genere con 3 forse 4 volontari, non riusciremo a raggiungere quella che è stata fin dall’inizio una delle nostre priorità e cioè dare continuità a quello che facevamo, siamo inoltre fermamente convinti che qualunque cosa si possa fare per quelle persone può comunque servire a mantenere alta l’attenzione su quello che hanno e stanno ancora sopportando. Facciamo fatica ad arrenderci alla conclusione di una cosa così importante per esaurimento delle potenzialità che forse abbiamo fin dall’inizio sopravalutato e inoltre come ogni organizzatore merita probabilmente avremmo desiderato una fine col “botto”, ma non importa abbiamo cercato di dare il meglio di noi in ogni occasione e le soddisfazioni non sono mancate.

A parte queste considerazioni tre mesi di volontariato, decine di operatori e centinaia di trattamenti fatti sono numeri che non avremmo nemmeno pensato raggiungibili quindi ci sembra giusto ringraziare tutti coloro che hanno condiviso con noi questo progetto e soprattutto grazie alle persone di Concordia che hanno fatto in modo che quello che ognuno di noi ha dato sia infinitamente piccolo rispetto a tutto quello che ha ricevuto. Ricordi che rimarranno in ognuno di noi per sempre.

Grazie a tutti

Marcello Marzocchi e Frida Migliori

Annunci

Shiatsu per l’Emilia: il lavoro a Concordia prosegue

Questo slideshow richiede JavaScript.


Le ferie sono ormai concluse e riprendono le consuete attività.
Ma il progetto a Concordia non termina. Difficoltà tecniche e problemi logistici dell’ultima ora non ci hanno fermato, ed abbiamo continuato per tutto agosto a fare trattamenti.
Anche nella prima settimana di settembre decine di residenti sono passati sotto i nostri pollici.
Un dato singolare che abbiamo rilevato nel corso dell’ultimo mese, riguarda il fatto che per ogni persona che “ritorna”, dopo aver provato una o più volte, una che si avvicina allo shiatsu per la prima volta le si affianca. Provenienti da Concordia ma anche dai paesi vicini. Tutto questo senza alcun tipo di promozione del nostro intervento, se non il passa parola di chi ha sperimentato su di sè come lo shiatsu sia di grande aiuto dopo un evento traumatico come il terremoto in Emilia è stato. Per tutto il mese di settembre continueremo la nostra presenza regolare durante la settimana – generalmente il mercoledi ed il venerdi – e, occasionalmente, durante i fine settimana.

Ricordiamo a chi ci legge che questo progetto non è tenuto in piedi da “altri” shiatsuka, che sono di buon cuore, hanno tempo, disponibilità, voglia e possibilità. E’ invece tenuto in piedi gente come noi che – a volte anche facendo sacrifici e sopportando costi e disagi – decide disinteressatamente di dedicare anche solo poche ore per aiutare chi stà decisamente peggio.

La nostra presenza a Concordia dopo settembre dipenderà solo dalla presenza di un numero sufficiente di volontari di tal tipo.

Nella speranza di raggiungerlo, un ringraziamento a chi – certamente tanti – offrirà il proprio aiuto.

Marcello Marzocchi e Frida Migliori

Tendopoli di Mirandola

La prima fase del progetto si è felicemente conclusa, come da accordi con il comune di Mirandola e con un ottimo bilancio. Nei 6 week end di presenza abbiamo fatto oltre 430 trattamenti. Abbiamo trattato bambini, anziani, ospiti dei campi di ogni etnia, operatori volontari e capi campo. Tutti, assolutamente tutti quelli che hanno ricevuto i nostri trattamenti ne hanno riconosciuto l’efficacia, il senso di rilassamento  ed il grande valore umano che tale pratica ha portato, anche se solo per un momento, all’interno dei campi. Sono stati coinvolti nella pratica 32 operatori che sono arrivati da ogni parte d’Italia e tutti quanti si sono portati a casa un carico di umanità e calore che gli abitanti dei campi hanno regalato loro. Più di 3000 ore di lavoro sono state donate in totale da questo progetto il che ci riempie di gioia per aver potuto regalare anche noi, piccoli, piccoli, quello che era nelle nostre possibilità. È allo studio una seconda fase del progetto per dare un senso di continuità all’impegno verso le persone colpite dal sisma. Un grazie entito a tutti gli operatori e a tutte le persone che hanno ricevuto i nostri trattamenti.

Un abbraccio

Bernardo Corvi e Attilio Alioli

Il progetto in Emilia prosegue…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cari amici,
ecco gli aggiornamenti riguardao alla iniziative “Shiatsu” attivate a sostegno della popolazione emiliana colpita dal sisma.

La Sede Nazionale dell’Accademia Italiana Shiatsu Do, Shiatsu Do Onlus e la Sede di Bologna dell’Accademia, hanno deciso di attivare una collaborazione finalizzata a coordinare le iniziative a favore della popolazione dell’Emilia colpita dal sisma dello scorso maggio costituendo, di fatto, il Coordinamento Nazionale per l’aiuto alla popolazione Emiliana attraverso la pratica dello Shiatsu.

Le tre Associazioni, confrontandosi, si sono trovate d’accordo sulle caratteristiche del nostro intervento – trattamenti Shiatsu per le persone colpite dal terremoto – sull’identità di vedute in merito alle modalità di raggiungimento di tale obiettivo.

Lavorando insieme potremo migliorare l’efficacia del nostro intervento a beneficio dei terremotati. Il vantaggio di coinvolgere i tanti volontari che ci hanno contattati per offrire il loro aiuto, fornendo loro più alternative per un intervento è indubbio e permetterà di ampliare la collaborazione a Shiatsuka di altre formazioni che, in mancanza di interventi organizzati direttamente dalle associazioni di appartenenza, vorranno comunque mettere a disposizione le loro competenze.

Attualmente sono in corso due progetti:

Concordia Sulla Secchia

Dal 27 giugno un gruppo di volontari coordinati dalla Sede di Bologna dell’Accademia ha iniziato un’attività di trattamenti Shiatsu presso il paese di Concordia Sulla Secchia.

Tramite l’interessamento della Famiglia Belli – titolare di una farmacia del paese, fortemente inserita nel suo tessuto sociale ed attiva in mille modi per supportare i compaesani in difficoltà – ci sono state messe a disposizione due stanze, che abbiamo attrezzato con quattro postazioni di lavoro.
Da fine giugno siamo riusciti a garantire una presenza da 2 fino a 4 giornate settimanalmente, trattando decine di abitanti.

Le giornate di lavoro sono fissate in base alla disponibilità dei volontari, sia nel corso della settimana (mercoledì e venerdì riusciamo a garantire una presenza quasi continua) che nel week end (in modo più irregolare). Generalmente lavoriamo dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

Referenti del progetto sono Marcello Marzocchi e Frida Migliori, rintracciabili allo 051/464714 (se non ci trovate è sempre attiva la segreteria telefonica, ove lasciare un messaggio) o via mail a shiatsu-do@iperbole.bologna.it.
Su questo Blog potrete trovare aggiornamenti sull’avanzamento di questo progetto.

Mirandola

Il week end del 28/29 luglio è partito a Mirandola un nuovo progetto.

Attraverso il comune di Mirandola, assessorato alle politiche sociali e grazie ad un contatto reso possibile da Ezechiella Franciosi di Parma, dopo un lunghissimo iter burocratico, i volontari stanno operando nelle cinque tendopoli presenti nel comune stesso nel corso dei fine settimana, per sei week end consecutivi, da fine luglio fino all’ 1/2 settembre incluso. Come da richiesta specifica del comune l’attività viene svolta per ogni week end in un campo differente; questo per poter rendere fruibile a tutta la popolazione delle tendopoli i trattamenti. Bisogna considerare che la situazione nei campi è particolarmente “pesante” per problemi di ordine pubblico, convivenza forzata di etnie differenti, sanitari, caldo.

Gli orari di lavoro sono dalle 09.00 alle 12.00 (o 13,00) e dalle 15.00 alle 19.00, sia il sabato che la domenica; elastici secondo la necessità. Sono necessari 5/6 operatori per week end, per coprire 4 postazioni di lavoro.

E’ possibile pernottare nelle tende di uno dei campi, portandosi il sacco a pelo. Saranno offerti il pranzo e la cena, la possibilità di farsi la doccia e quant’altro necessario.

Referente del progetto è Bernardo Corvi, rintracciabile allo 339/1209198 o via mail a bernardo@fioreoriente.com.

La linfa di entrambi i progetti sono i volontari, con la loro disponibilità disinteressata e la voglia di aiutare chi sta vivendo una situazione così difficile.

Nella speranza del vostro importantissimo contributo, restiamo a disposizione per qualunque chiarimento riteniate utile.

Un ringraziamento di cuore.
Attilio Alioli, Bernardo Corvi, Marcello Marzocchi

Terremoto in Emilia: CERCASI OPERATORI VOLONTARI

Mentre prosegue la raccolta fondi e il lavoro incessante di Bernardo per poter operare in maniera strutturata assieme alle istituzioni nei campi del modenese e del reggiano, la nostra sede di Bologna è già partita con un progetto a Concordia Sulla Secchia (MO), grazie alla preziosissima collaborazione della famiglia Belli (potete leggere l’articolo su quanto stanno facendo cliccando qui).
Si cercano operatori. Ne servono tanti! Per adesioni contattate la Sede di Bologna e Marcello Marzocchi telefonando allo 051.464.714 o mandando una mail all’indirizzo shiatsu-do@iperbole.bologna.it. Rispondete numerosi! C’è bisogno di tutti voi!