La pressione palmare: tecnica e filosofia del contatto

“La chiave di un uomo si trova negli altri:
è il contatto con il prossimo quello che ci illumina su noi stessi”
Paul Claudel

Se la traduzione letterale della parola “shiatsu” è pressione delle dita, va da sé che la mano è lo strumento principe della nostra arte. Questo strumento può assumere più sfaccettature perché, per fare un esempio, la pressione palmare ci accompagna fin dai rudimenti della tecnica per poi divenire un ausilio, anzi il protagonista, pressoché indispensabile in ogni passaggio del trattamento. Nell’evoluzione della pratica, si impara ad utilizzare il pollice, le dita, ecc però non si finisce mai di scoprire, riscoprire e valorizzare gli infiniti aspetti che il contatto ci può rivelare. Si affinano gli strumenti, migliora la sensibilità e contestualmente la nostra curiosità prende campo di giorno in giorno. Ci accorgiamo che la mano diviene sempre più avvolgente, morbida e adattabile. Questo grazie al fatto che riesce a strutturarsi in modo da “auto adattarsi” ad ogni differente territorio che tocca.
Grazie alla sua evoluzione e all’incredibile strumento che rappresenta, anche le risposte che arrivano, divengono sempre più complesse e ricche di sfaccettature. Proviamo a estendere ulteriormente la valenza di ciò che in più forme, la mano, ci rappresenta. Se quando appoggiamo la mano su di una zona di Uke teniamo presente che al centro del palmo troviamo il punto n.8 del meridiano di “Ministro di Cuore” che come tale rappresenta l’emissario del cuore, ci accorgiamo che il nostro palmo rappresenta il cuore. Non stiamo parlando del cuore come organo fisiologico, ma del cuore emotivo, del cuore tipico degli “Shen”, della spiritualità di ogni organo, il nostro cuore a trecentosessanta gradi, che si manifesta attraverso il contatto del palmo della mano. Questo dovrebbe farci capire quanto si possa ampliare la valenza del gesto. Se teniamo a mente che per la cultura giapponese lo shiatsu, il “fare shiatsu con” è spesso legato con la parola “kokoro” che tradotto vuol dire da cuore a cuore, possiamo comprendere come nei fatti, la simbologia vada a rendere ancor più efficace la tecnica.

La mano rappresenta il nostro reale biglietto da visita, quando accogliamo un nuovo Uke, al di là di qualche chiacchiera iniziale, deleghiamo il successo del nostro approccio al contatto. I nostri Uke, il più delle volte non hanno la benché minima idea di cosa stiano per affrontare e, anche se manifestano fiducia e disponibilità, è assai probabile che si stendano carichi di tutte le naturali difese che il corpo attiva a livello inconscio. Il contatto da corpo a corpo, da cuore a cuore, è il solo che ha il reale potere di trasmettere la necessaria fiducia e autorevolezza, atto a far aprire queste difese e consentire un profondo contatto. Quando ci apprestiamo a posare il palmo sull’addome di un nuovo Uke, portiamo il pensiero al nostro cuore e al significato che possiamo esprimere attraverso il contatto del palmo della mano. Mentre lavoriamo, la nostra attenzione, ci porterà a cogliere innumerevoli sfaccettature che una pressione palmare può trasmettere. Col tempo, la pratica e la pazienza, la mano diventa uno strumento dalle infinite possibilità, la mano che preme, che preme e sostiene, che preme e avvolge, che sostiene la pressione del pollice, che accoglie la pressione delle altre dita, che si conforma al territorio e coglie le manifestazioni di risposta di Uke ai nostri stimoli. Con l’esercizio la mano riesce a cogliere le manifestazioni più yang o più yin del corpo, quelle calde o fredde, quelle dure o molli, ecc e ci manifesta continuamente la vicinanza di Uke come risposta.

20130326-IMG_7682Da Strategie di shiatsu
di Mario Vatrini

La Forza
Esistono due tipi di forza, quella muscolare o esterna, che si sviluppa con esercizi di palestra ed una interna, superiore o quanto meno diversa dalla potenza muscolare. (…) Usando una forza costruita solo muscolarmente l’attenzione della mia mente si rivolge all’interno del corpo, per contribuire allo sforzo fisico. (…) Usando la forza interiore, invece, dal momento che il corpo è sempre carico, la mente si rivolge all’esterno d’esso. Si verifica effettivamente un forte senso di espansione, come se il corpo s’allargasse e perdesse i contorni fisici normali, sensazione che aumenta con l’esercizio. (…) Nello Shiatsu, mentre il principiante reagisce ancora pensando di premere Uke e lo fa espirando, l’esperto considera che sia Uke a premere e bada a mantenere la propria respirazione indifferentemente dalla strategia che sceglie, prestando invece attenzione agli spunti offertigli da Uke.

Shiatsu e Danza

Quando si parla di shiatsu subito si pensa al rilassamento, al benessere, al risveglio della propria e altrui vitalità.
Lo shiatsu, nel corso di questi 12 anni di pratica, mi ha aperto un mondo, insieme alla pratica yogica, in particolar modo sulla consapevolezza di me, sulla postura, sulla fiducia in me e nell’altro, oltre che recare beneficio a chi mi fa da uke… davvero mi ha incanalato sul sentiero della conoscenza di me e ne sono felice.
Allo stesso tempo, da buona sportiva e ballerina quale sono, ho sempre praticato anche danza, ballo di coppia, veicolata dalla musica, che coinvolge tutto il mio essere e mi fa muovere armonicamente, mi dà modo di esprimere col corpo quello che spesso non riesco a dire a parole.
Fino a poco tempo fa non avrei pensato di unire e /o paragonare questi tipi di pratiche, shiatsu e danza, così apparentemente poco vicine. Ma da quando ho scoperto la danza contemporanea “Contact Improvvisation” devo dire che molti principi la legano allo shiatsu.
Innanzi tutto la danza contact (che nasce negli anni 70 negli Stati Uniti) per definizione è una forma di movimento che si fa relazionandosi a uno o più partners, ed è una condizione indispensabile, perché per esprimersi serve il contatto con almeno un’altra persona… così come lo shiatsu si fa in due, in un rapporto paritario di sostegno reciproco e scambio energetico. Questo è già una possibilità molto ampia, poiché nella danza il contatto diventa una porta di apertura alla creatività, seguendo dove conduce quell’onda di movimento che si crea tra 2 o più persone, alla scoperta di nuove forme di comunicazione ed espressione, che da soli non sarebbe proprio possibile. A volte si segue l’altro, a volte si conduce, a volte la fusione è talmente equilibrata, che non esiste dominio di uno sull’altro, ma un andare quasi a toccare un’altra dimensione, nata dall’incontro non solo fisico, ma di tutto l’essere di chi si incontra.

E nello shiatsu spesso faccio esperienze simili, a volte il trattamento ti porta dove decidi tu, con le tue analisi, schemi di lavoro, a volte segui dove ti porta l’altro, a parole, gesti, dove il corpo necessita più il tuo incontro, che quasi sembra ti chiami; a volte entri in una dimensione particolare, nella bolla energetica che si forma tra tori e uke e che riesci a sentire e il trattamento non ha nessuna spiegazione, esiste in quel momento, a quelle condizioni e basta, ed è bello proprio per quello!
Un altro aspetto che accomuna queste discipline è la libertà che deriva dalla pratica assidua, dalla conoscenza del proprio e altrui corpo, libertà di esprimere quel momento con quella musica e col sostegno reciproco determinato dal contatto, lasciando che sia, senza giudizio, gustandosi quell’unione col cuore, per quello che è. Quante volte, cari shiatsuka, vi è capitato di godervi in questo modo il vostro trattamento/incontro?

Il contatto permette nella danza di esplorare nuovi movimenti, sentendo quanto l’altro ti sostiene e quanto lo sostieni tu, può nascere qualcosa di irripetibile, una comunicazione profonda che a volte riesco ad avere anche in un trattamento, o molto più spesso in un tratto particolare di un trattamento. Si sente quando entrambi si è disposti a fidarsi l’uno dell’altro, permettendo al divenire, al cambiamento di svolgersi secondo natura, e quando, invece, nel rispetto dell’altro, si lascia che una eventuale chiusura abbia svolgimento comunque, perché ha i suoi motivi di esistere. E magari si apre un’altra porta di comunicazione. Quando danzo con la contact, sento se la ragazza che si muove con me e io, naturalmente, siamo insieme disposte alla fiducia, a lasciar nascere movimento, se ci sono limiti fisici o emotivi o mentali.. ma spesso anche i limiti permettono una gamma di movimento molto vasta!

Così, grazie alla danza e allo shiatsu imparo a vivere il mio presente, a cogliere quell’attimo di fusione che è meraviglioso quando avviene. Certo non dimentichiamo che attraverso le posizioni shiatsu e quelle di danza si lavora molto anche sull’atteggiamento posturale e sul respiro, sulla presa di coscienza del proprio baricentro e sulla percezione di sé e dell’altro. Non mi dilungo su questi aspetti, peraltro importanti, ma che tutti gli shiatsuka hanno ben presenti.

Parliamo della musica… sicuramente, la danza senza musica non sarebbe danza, mentre lo shiatsu si può fare senza, anche se non si può parlare di shiatsu senza parlare di ritmo, seppur interno che sia. Comunque molti operatori lavorano con sottofondo musicale, infatti esistono melodie adatte al rilassamento, sia del nostro uke, sia nostro, aiutando anche a predisporci alla centratura e a prendere un certo ritmo, dettato dalle esigenze di incontro con uke, ritmo che spesso ci permette di lasciare neutra la nostra mente e far “parlare” di più le nostre sensazioni.

Piacere di muoversi, altro punto a favore di entrambe le discipline. Sia attraverso la danza che lo shiatsu sento il mio corpo, lo curo, lo allungo, lo armonizzo, cerco di superare i miei limiti fisici e mentali.
Maggiore affiatamento col gruppo danza e maggior confidenza con chi tratto.
Tutte le discipline che mi permettono un confronto, che creano relazione, mi danno modo di evolvere come persona, perché l’altro mi fa da specchio e a volte mi fa crescere dubbi e evidenzia aspetti che mi risuonano, mi turbano o mi emozionano, permettendomi di rifletterci e di accettarmi in toto, quindi grazie contatto!!!

Shiatsu, Transfert e Controtransfert: breve analisi del rapporto tra Tori e Uke.

E’ da qualche giorno che leggo e rileggo l’intervento di Valentina sulla “Panchina al parco”, a proposito di transfert e controtransfert. Trovo che l’argomento trattato sia molto interessante, spesso viene affrontato dagli allievi nei corsi, altrettanto spesso è oggetto di confronto con operatori di altre Scuole e formazioni.

Premesso che non so praticamente niente di psicoterapia, di transfert e compagnia bella, posso però accennare alla mia esperienza in ambito shiatsu in merito al tema.

Continua a leggere