“A mille, ce n’è…”

“…nel mio Cuore di fiabe da narrar….”. Era la canzoncina all’inizio delle storiche “Fiabe Sonore”. Le generazioni degli anni 60 e 70 hanno consumato i mangiadischi della Geloso ascoltandola. Anche noi abbiamo mille storie da raccontare, nel nostro Cuore. Storie di Shiatsu, di incontri, di persone. I progetti della Onlus “Shiatsu-Do Volontariato” sono davvero molti. Una buona parte li trovate su questo blog, basta andare a cercare tra le categorie e potrete incontrarle. D’accordo, il mangiadischi aveva il suo fascino… ma vedere le fotografie dei volti delle tante persone che sono state “toccate” dalle nostre iniziative è emozionante. Molti di questi progetti si autosostentano: basta solo il tempo degli operatori che vi si dedicano. Altri, invece, hanno bisogno di una mano meno “tangibile”, ma non per questo meno concreta, per poter prendere forma e continuare a vivere.
Cuba, una terra complessa e in rapido cambiamento, in cui lo Shiatsu ha creato e sta creando moltissime opportunità di crescita, d’incontro e di lavoro.
Il Chiapas, in Messico, martoriato da una politica repressiva e razzista, in cui i corsi di Shiatsu continuano a fiorire, così come le collaborazioni con le comunità indio intorno a San Cristobal de Las Casas.
Brasile, con la crescita continua dei progetti e delle iniziative attorno alla Scuola Felipe de Lyon e non solo.
Libano, con i progetti dedicati alle donne nei campi profughi palestinesi che, tra pochi giorni, vedrà partire un nuovo corso di Shiatsu.
Congo, dove una prima esperienza ha avuto riscontri emozionanti e inaspettati e attende nuovi sviluppi…
Per sostenere tutto questo non serve molto… Ricordando i vecchi 45 giri delle Fiabe, “non serve l’ombrello, il cappottino rosso, la cartella bella, per venire con me… Basta un po’ di fantasia e di bontà…”. In questo caso, anche solo una firma…

5 x MILLE 2016

Annunci

Il defibrillatore porta il Cuore dello Shiatsu

Grazie al contributo di chi ha partecipato alla iniziativa siamo riusciti a raccogliere, attraverso trattamenti Shiatsu ad offerta, la cifra necessaria per acquistare un defibrillatore da donare ad una società sportiva del nostro paese.

Grazie al Banco Popolare di Lodi nella figura del suo direttore di filiale Michele Maestri per la concessione dei locali della filiale, grazie al Comune di Langhirano per il patrocinio concesso e alla Pro Loco di Langhirano.

Grazie sopratutto al Cuore grande di allievi e diplomati di Accademia Italiana Shiatsu Do per il loro contributo.

Grazie.
Di Cuore.

Bernardo Corvi

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Bagni Froy 2015: 10 anni di Shiatsu-Do in montagna!

La vacanza studio di Froy compie dieci anni.
Un bel traguardo se pensate che è nata come esperienza di pratica pensata e realizzata dal grande Walter Zani di Genova e me senza alcuna pre-esperienza in tal senso.
E’ stata la voglia di stare insieme che ha partorito questo progetto, il bene e la stima reciproca che ci ha portato a rischiare. Sì, c’è sempre una parte di rischio quando inizi un progetto, ma si sa fa parte del gioco.
Le ansie, i preparativi, il sentirsi inadeguati, tutte cose che puntualmente mi succedono ogni volta e con le quali imparo sempre più a convivere.
Senza rischio o incoscienza non avrei mai pensato al progetto Accademia di Gallarate e, nel 2015, anche questo ha superato i 18 anni… urca, quante cose! Quanta acqua passa sotto i ponti e… mi sembra ieri.
Beh, tornando a Froy, tenuto conto di quanto sopra anche quest’anno ci siamo cimentati sia nella vacanza che nel lavoro proposto.
La vacanza, lo stare insieme, vanno da sé con parte del gruppo collaudato e consolidato con il quale ormai servono sempre meno parole e tutto accade, ognuno fa senza domande, senza aspettative e prende quello che arriva. Molto Zen.
Il lavoro proposto era sul sentire attraverso il sentirsi, bella sfida…
Mi permetto di dire, il tutto ha contribuito a far si che tutto succedesse senza bisogno di parole: il gruppo, complice la situazione, la cucina vegana a molti inusuale ha contribuito a mettere in moto il meccanismo che si è autoalimentato.
Si, poi alcuni componenti che hanno sbroccato (sapete che il gruppo muove molte energie, le mischia e le rinnova) che voglio ringraziare per la fiducia che si sono dati nel proseguire l’esperienza nonostante forti resistenze interne: ci hanno aiutato a sentirci e ad entrare nel lavoro in modo profondo.
Si perché io sto bene se anche il mio vicino sta bene: se vedo che è in crisi il mio star bene, il mio sentirmi è messo in gioco.

Da questa forze, consapevolezza e ascolto del sé, è continuato un lavoro sulla percezione facile e profondo che ci ha dato spunti e contributi per potere sperimentare nel prossimo futuro metodi e modi inusuali di fare shiatsu.
Un uso in divenire della pancia e profondità nell’interagire con le nostre tensioni, che ci accompagneranno nei prossimi mesi: ci siamo dati appuntamento per riparlarne dopo avere fatto l’esperienza con un numero significativo di trattamenti.
Per cui il lavoro ci terrà compagnia anche nei prossimi mesi e, ogni volta che lo sperimenterò, mi ritorneranno in mente quei bei giorni passati con tanta bella gente intorno
A presto e buona vita a tutte e tutti e preparatevi per il 2016, noi vi aspettiamo

G.P. Baratelli

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tornare a Bagni Froy é sempre un piacere per gli occhi e per il cuore. Cuore che batte quando incontri le persone degli anni scorsi. Cuore che usi quando prendi contatto con il tuo uke e che ti aiuta a “sentire” quello di cui ha bisogno. Cuore che si allarga quando condividi con lui l’esperienza e capisci che il suo corpo si é fatto “sentire”… E occhi! Occhi che gioiscono nel vedere la serenità sui volti dei tuoi compagni e nel mirare quella natura di cui “ti senti” partecipe. Un grazie a GP che da anni si prodiga perché tutto questo accada.
(Desy, Parma)

Ancora una volta il soggiorno a Bagni Froy è stato un successo.
Tutto è andato alla perfezione, complice il bel tempo che ci ha permesso di godere dei panorami spettacolari e dei boschi tra le valli Funes, Gardena e Isarco.
Il vero successo è stata la buona armonia che si è creata tra i partecipanti, nel rispetto di tutti, con collaborazione nello svolgere sia i doveri della casa, sia l’organizzazione delle giornate. Con questa energia, anche i doveri si trasformavano in un piacevole stare insieme, spesso ridendo, canticchiando e anche formando cori di canto.
Tutti hanno portato ciò che potevano dare: anche i bambini, con la loro allegra presenza ed educazione… hanno anche preparato uno spettacolo teatrale molto piacevole.
Quest’anno non ho partecipato alle ore dedicate allo Shiatsu per problemi di salute. Malgrado ciò le giornate sono state ricche di belle cose e belle persone, e tutto è stato di grande aiuto in questa mia convalescenza.
La mattina iniziava con un buon risveglio muscolare guidato da Emilio nel cortile della casa, una sana colazione, anche quest’anno organizzata Denise, biologa nutrizionista, in collaborazione con la simpaticissima cuoca Simona… Una settimana all’insegna dell’alimentazione vegana durante la quale Denise ha approfondito i concetti di questa filosofia di vita, il rispetto per l’ambiente, per gli animali e i principi per una buona e corretta alimentazione.
A Bagni Froy non mancava proprio nulla: armonia, buon cibo, acqua di fonte pura, i balli spagnoli con Genevieve, la chitarra di Luciano, gli indispensabili Massimo e Ugo (che, questa volta, abbiamo anche visto recitare)… A voi tutti, g
razie! Siete troppi per potervi elencare ma non per questo vi si potrà dimenticare. Grazie a Giampaolo, che ci ha fatto ridere e star bene!
Io ed altri proponiamo per il prossimo anno una vacanza a Bagni Froy un po’ più lunga, almeno 10 giorni! …si sta così bene!
Grazie allo Shiatsu che ha senz’altro contribuito alla nostra crescita personale e quindi a far sì che tutto ciò avvenisse.
Un abbraccio a tutti quelli di Bagni Froy.
(Elena, Reggio Emilia)

Conosci, Prova, Pratica, Impara…

SHIATSU-DO, LA VIA PER IL BEN-ESSERE

Per scoprire cosa ti offre la nostra Associazione Culturale!
Per conoscere, provare, praticare e imparare lo Shiatsu Do!
Per sapere quale delle nostre numerose sedi è la più vicina a te!

COMPILA  IL  FORM  E  INVIACI  I  TUOI  DATI

Riceverai, senza alcun impegno, una mail con tutte le informazioni sulle nostre attività!

banner 800x400 01

SPECIALE SHIATSU-DO

foto accademia 15ECCO IL 1° PERCORSO PROFESSIONALE

Vai al link: Compila ed invia il form, riceverai tutte le informazioni.
Per ulteriori informazioni telefona allo 02.29404011 (ore 14.00/20.00)

green_number

IL PROGETTO DI INTEGRACCIÒN ARMONICA E LO SHIATSU DO A CUBA

SAM_9903

Ho conosciuto Antonio Montero a La Havana, ai tavoli della “Cafeteria Fransese” antistante Plaza de Parque Central dedicata a Josè Marti, filosofo poeta e mente della cultura cubana.

Antonio e Olga, la sua compagna, sono un po’ in ritardo; arrivano da Matanzas in autostop.
Fino ad allora avevo solo intuito, leggendo gli scritti di Francisco, che cosa rappresentasse il progetto pensato dal professor Montero Averoff e che relazione avesse con il progetto Shiatsu Do. Nemmeno durante il nostro primo incontro ne ho avuta piena consapevolezza ma mi hanno colpito e messo nella giusta carreggiata, oltre che la nostra lunga chiacchierata, le sue grandi motivazioni, i progetti del futuro prossimo e, specialmente, il suo grande calore umano. Sapevo che nei giorni successivi avrei potuto capire meglio; avremmo vissuto insieme con lui e al suo gruppo, difatti, diverse significative esperienze di pratica.
Creatore del progetto di IntegrAcciòn Armonica, Il professore da quindici anni viaggia per tutta Cuba, per la maggior parte delle volte in autostop, per diffondere il suo progetto e il suo sogno.
I gruppi di IntegrAcciòn Armonica sono formati da operatori che, dopo aver seguito un lungo iter formativo, propongo taller: letteralmente botteghe, officine, laboratori; attività dirette alla comunità e alla famiglia. In ogni ciudad, nei barrios e nelle calles di Cuba si crea, grazie a quest’opportunità, la possibilità di stabilire una relazione che permetta all’interessato di riscoprire un modo di vivere con maggiore benessere fisico e mentale, grazie alle attività pratiche del programma tese alla formazione e allo sviluppo di un’armonia tra la mente, il corpo e la natura. Le finalità di questo progetto difatti sono, come dichiarato nel loro statuto, “attività di formazione di valori per una cultura di amore e preservazione di madre natura”.

DSCN0122

L’incontro con lo Shiatsu Do è stato per caso, come succede sempre con le grandi cose della vita. Un giorno uno degli studenti di un corso organizzato da Francisco, gli parla della sua organizzazione e gli propone un incontro. Viene dunque organizzato prima un incontro successivamente un seminario, dove parteciperanno oltre quaranta persone, in un grande salone situato in una scuola piena di detriti e allo sfascio, sede della escuela cubana de Ju Jitsu.
Questo seminario segna l’inizio di una delle pagine più fruttifere nella storia dello Shiatsu Do a Cuba proprio perché, qui, sono integralemente trasmesse e colte le sensazioni e lo spirito dello Shiatsu Do.
“Sono bastati due laboratori alla Habana ed uno a Colon perché apparissero i primi innamorati dello Shiatsu Do con la scoperta della possibilità di offrire un servizio per il risveglio della coscienza interiore dell’essere umano…” dichiarerà Montero.

Tuto ciò ha portato alla progettazione di formazione di promotori e operatori comunitari di Shiatsu Do poiché, in base al gradimento unanimemente espresso, Antonio, il presidente, ha deciso in sintonia con gli altri soci, di inserire lo Shiatsu Do come pratica sociale e formativa per tutti gli istruttori. Nei documenti ufficiali che descrivono l’attività e la mission del progetto di Integrazione Armonica, è riportato testuale:
“…L’istruttore che per il suo grado di specializzazione padroneggia i differenti esercizi basici di carattere bionaturale potrà introdurli nella sua dinamica di lavoro; rappresentando i principi fondamentali della formazione professionale e loro metodologie come lo Shiatsu Do.
…Per gli istruttori della IntegrAcciòn Armonica contare sullo Shiatsu Do vuol dire contare su uno strumento meraviglioso per il suo obiettivo di dare un servizio a tutti gli individui del nostro gruppo per la riscoperta di un modo di vivere con maggior salute fisica e mentale.
… noi lo offriamo come un’attività di relazione amabile tra due persone con la finalità di sentirsi bene e avere un’esperienza meravigliosa tra due esseri umani e questo indubbiamente è coincidente con il nostro progetto comunitario della scuola, i suoi obiettivi e principi”.
È stato commovente praticare insieme al gruppo al gran completo nello stesso luogo che ha accolto l’embrione di tutto progetto di collaborazione tra Integrazione Armonica e Shiatsu Do e consegnare, insieme con un emozionato Francisco e agli altri componenti della “delegazione italiana”, gli attestati di “Operador de Shiatsu Do de primero nivel” e di “Promotor de talleres de Shiatsu Do”.
È stato emozionante partecipare come insegnati a un laboratorio di approfondimento della tecnica di palmo e utilizzo di pollici affiancati, nella casa messa a disposizione da Antonio Montero e attrezzata per la pratica, con cartoni stesi a terra.
È stato coinvolgente partecipare alle riprese di una puntata, dedicata alla Shiatsu Do, del documentario di otto puntate realizzzato dalla televisione di Matanzas incentrato sul progetto di Integrazione Armonica; progetto conosciuto ormai in tutta Cuba e perseguito da un gruppo di persone alle cui spalle non esiste nessuna istituzione ufficiale ad appoggiarli.
Vorrei riportare solo alcune delle dichiarazioni del professor Antonio Montero riportate nelle sue relazioni ufficiali: “… lo Shiatsu Do proposto dall’associazione di volontariato italiana assume sempre maggior importanza nel nostro lavoro… perché è un’espressione assai coincidente con i principi e i fondamenti dell’Integraccion Armonica.
Ricevano i membri dell’Associazione di Volontariato Shiatsu Do un fraterno saluto e sappiano che possono contare su di noi per diffondere il loro meraviglioso lavoro non solo nel nostro paese ma anche in altre parti dell’America. Le nostre porte sono aperte per ricevervi e condividere lo Shiatsu Do che ci permette di rendere un poco più felici i membri della nostra specie umana”.

SAM_9895

Riporterò nei prossimi interventi su questo blog altre esperienze vissute a Cuba lo scorso ottobre per documentare, con le nostre parole e le nostre fotografie, l’importanza di un progetto grande e ammirevole: Il progetto Shiatsu Do a Cuba. È auspicabile che ci si convinca di quanto sia importante diffondere e sostenere, anche economicamente, un disegno che mostri a tutti il vero valore di una pratica, quella dello Shiatsu, la cui virtù reale è in stretta relazione con i principi dei valori profondi della vita di ognuno.
Vorrei salutare tutti con la parola africana utilizzata come motto ufficiale dell’Associazione di Integrazione Armonica:
“Ubuntu: tutti siamo uno”

Questo slideshow richiede JavaScript.

INNO NAZIONALE DI CUBA APRE LA CERIMONIA DELLA CONSEGNA DEI DIPLOMI DI PROMOTORI DI SHIATSU DO

SAM_4509Pur riconoscendo la consuetudine cubana di cantare l’inno nazionale nei momenti significativi della vita sociale come per esempio l’inizio delle lezioni scolastiche, sentirlo in occasione della cerimonia della consegna dei diplomi di operatore di Shiatsu Do in concomitanza del 13° anniversario delle attività del Progetto Comunitario Integr-Accion Armonica, altra coincidenza non marginale, mi ha procurato una strana emozione come se la più che decennale esperienza cubana, con la sua mappa originale e imprevedibile di luoghi ed eventi, ci avesse portato infine in un luogo e tempo dove lo Shiatsu Do potesse vivere una cubania perfetta.

Così iniziò una cerimonia di cui mi risulta difficile scriverne il resoconto perchè le splendide parole, gli abbracci come tra amici di antica data, i sentimenti eco di nobili parole che riconoscevano lo Shiatsu Do degno dei loro ideali e delle loro utopie, tutto questo diventa retorico se non vissuto condividendo le vite di queste persone con tutti i dettagli della quotidianità dove, con poche risorse ma molta generosità, si affrontavano e si risolvevano le difficoltà del trasporto dell’alloggio, del cibo.

Sento come un pudore a raccontare senza che i miei ipotetici lettori possano condividere in loco l’umanità, la generosità e l’affetto di quelle persone.
Per dovere di cronista mi limiterò a dire che la cerimonia di consegna dei diplomi di onore al sottoscritto ed ai promotori di Shiatsu Do si è svolta in una atmosfera dove la parola insolita ed esotica “Shiatsu Do” era tradotta in altre parole facilmente riconosciute: affetto, fiducia, ben-essere, condivisione, passione per un futuro di pratica e diffusione.

Molte volte nella mia lunga storia di shiatsu cubano mi sono sentito sfiduciato ed incerto a proseguire, ma questa esperienza questo incontro questi abbracci mi hanno consolato e confermato che i tempi della vita non sono i tempi dell’io e sempre la vita, se uno continua ad avere fiducia, ricompensa e riequilibria.

A suo modo, quando come e dove lo ritenga opportuno.

Mai, nei miei sforzi mentali di individuare scenari realistici e possibili per lo Shiatsu Do cubano, ho potuto prevedere questo capitolo della storia, a conferma che lo Shiatsu Do è imprevedibile come la vita.

Come mi consigliavano i saggi taoisti e come mi ricordò l’anziana signora del convento di Belen dopo un trattamento:

Lo Shiatsu Do è la Vita.

Gli abbracci i sorrisi le parole affettuose di ciascuna di quelle persone non erano altro che l’eco commosso di questa parole.