La “teoria” nello Shiatsu esiste… in teoria

Una delle domande più frequenti che ci viene posta da chi si avvicina ai nostri corsi di formazione riguarda il monte ore dedicato allo studio della teoria. Non è semplicissimo rispondere, più che altro perché il concetto di “teoria” nello Shiatsu è piuttosto ampio e variegato. Al posto del termine “teoria”, ad esempio, riteniamo più appropriato parlare di “modelli interpretativi”. Lo Shiatsu moderno nasce con il M° Namikoshi il cui modello è, semplificando, molto vicino ad un approccio anatomico/fisiologico di tipo fisioterapico e le mappe sono composte da aree nelle quali sono concentrati o si diramano vasi sanguigni, vasi linfatici, ghiandole a secrezione interna del sistema endocrino e fibre nervose. Successivamente viene fondata la scuola Iokai di del M° Masunaga che introduce un modello interpretativo di tipo energetico, sviluppando delle mappe che descrivono il decorso di meridiani, in parte coincidenti con il modello della Medicina Tradizionale Cinese, integrati con meridiani originali noti come “estensioni di Masunaga” o anche, assai impropriamente, “meridiani zen”.
Non siamo ancora arrivati agli anni 80 e già abbiamo almeno due approcci teorici diversi afferenti allo Shiatsu.
Con lo sviluppo della disciplina al di fuori del Giappone, avvenuto dagli anni ’70 in poi, molti Maestri hanno fondato una propria scuola in giro per il mondo, ciascuno sviluppando il proprio stile e, di conseguenza, le proprie mappe come, ad esempio, il Meiso Shiatsu del M° Yahiro.
Altre scuole, nel corso degli anni, hanno apportato modifiche alle proprie mappe di riferimento.

Anche Accademia Italiana Shiatsu-Do ha sviluppato, nel corso di decenni, un proprio modello autonomo, che non fa capo esclusivamente al sistema dei meridiani energetici, comunque affrontato in modo approfondito, ma anche a Zone e Punti Risonanti, creando una mappa che è oggetto di studio nei Quarti Percorsi Shiatsu-Do.
Molti sistemi di riferimento non sono sovrapponibili gli uni agli altri anche se, inevitabilmente, qualche punto in comune lo si può trovare.
Un modello interpretativo, per definizione, descrive e rappresenta la realtà dal proprio punto di vista, ma non è la realtà. Ciascuna descrizione e rappresentazione è vera all’interno del proprio sistema di riferimento e non invalida, automaticamente, altre visioni e punti di vista.
Per avere più chiaro il perché ciò accade, è bene sapere come questi modelli sono stati elaborati.
Ogni schema interpretativo è il frutto di anni di sperimentazione e osservazione da parte di un gruppo più o meno grande di operatori. C’è un’intuizione di base, uno schema di lavoro e migliaia di trattamenti con altrettante osservazioni dei risultati: la sintesi di ciò, nel corso degli anni, produce un modello di riferimento o uno schema interpretativo. Più sinteticamente, una mappa.

Accademia Italiana Shiatsu-Do, nel rispetto di tutte queste considerazioni, ha scelto un approccio multiculturale proponendo diversi schemi di lavoro, dai meridiani della MTC, alle estensioni e zone di Masunaga, alle già citate Zone e Punti Risonanti, il tutto partendo da un punto fondamentale, l’unico che accomuna tutte le scuole di Shiatsu nel mondo: le pressioni.
L’operatore Shiatsu evoluto, stabilisce il trattamento da svolgere sulla base di ciò che sente quando preme: un punto particolarmente rigido o cedevole, attivo o spento, caldo o freddo (ossia una classificazione riconducibile agli archetipi Yin/Yang) viene considerata un’indicazione da seguire e da interpretare per poter personalizzare un trattamento. Per far ciò, la prima cosa che serve imparare è, appunto, premere.

Accademia Italiana Shiatsu-Do impegna molto tempo della propria formazione per insegnare ai propri allievi ad avere un’ottima qualità della pressione. Il percorso per il raggiungimento di questo obiettivo apre le porte alla percezione, ossia a riconoscere in modo preciso e affinato ciò che si sente sotto i pollici durante le pressioni. In quest’ottica, studiare e applicare i modelli interpretativi desiderati è efficace. Se so premere e ho consapevolezza di ciò che sento sotto i miei pollici, imparare un modello interpretativo e utilizzarlo per personalizzare i miei trattamenti è una cosa relativamente semplice, sicuramente molto di più che compiere il percorso a ritroso: se imparo a memoria un’intera mappa ma non ho i mezzi per poterla verificare sul territorio (il mio Uke), avrò la testa piena di concetti, ma le mani vuote di esperienza.
Utilizzando una metafora, è come iscriversi ad un corso di pittura: se una scuola mi insegna a dipingere in stile impressionista, al termine del corso saprò fare solo quello. Se, invece, mi addestra a dominare il mio tratto pittorico, sarò in grado, anche a seguito di una mia ricerca personale, di esprimermi in tutti gli stili scegliendo quello che, per sensibilità, gusto o attinenza, è il più congeniale o il più efficace per ciò che voglio rappresentare.

Ciò non significa che i corsi di Accademia Italiana Shiatsu-Do non abbiano una solida e approfondita parte di studio, anzi! Siamo molto orgogliosi di aver costruito una struttura di E-Learning unica nel campo della formazione Shiatsu, con decine di contributi audiovisivi e dispense in cui vengono affrontati in modo preciso e mirato i concetti alla base dei modelli interpretativi. Questi contenuti, però, vengono resi disponibili solo quando c’è un adeguato livello di pratica che ne permetta la comprensione. Diversamente si formerebbero dei praticanti teorici dalle tecniche zoppicanti e inefficaci. In un mondo in cui si diffonde sempre più una semplificazione che porta all’impoverimento delle discipline, desideriamo contrapporre la solidità di una formazione che crea operatori indipendenti e in grado di affrontare ogni situazione con competenza e sicurezza.

Per maggiori dettagli sul contenuto dei nostri corsi, visita la sezione dedicata sul nostro sito.

(Fonte https://www.accademiashiatsudo.it)

Tecnica, potenzialità ed efficacia dello Shiatsu: il video disponibile su YouTube

I due video girati da Accademia per NaturalMag, che avete già avuto occasione di vedere in queste pagine, sono anche disponibili su YouTube.

Potete guardare il secondo e condividerlo cliccando sull’immagine qui sotto:

Tecnica Efficacia Shiatsu

Poche ma Buone? (ovvero: “I Dubbi dello Shiatsuka Insicuro”).

di Guido Bagni

Al convegno di Arcidosso ho partecipato ad un gruppo di studio con Marcello Marzocchi. Lì mi è capitato di esprimere un paio di opinioni che mi sono valse la visita, dopo il lavoro della mattina, di un paio di operatori sentitisi colpiti sul vivo. Mi ero ripromesso di argomentare meglio nel pomeriggio e spiegare le mie dichiarazioni che, a causa della voce completamente fuori uso, mi erano uscite un tantino telegrafiche. Purtroppo non c’è stato modo né tempo. Dopo lunghe riflessioni, provvedo qui.

La sorgente della questione è stata il punto di vista dell’ottimo Libano Rossi, della Scuola Shin Shiatsu che (spero mi perdoni) sintetizzo brutalmente con: più tecniche conosco e padroneggio, meglio è. Assolutamente condivisibile. Più ricco è il mio bagaglio e più strumenti ho a disposizione per poter strutturare in modo efficace il mio trattamento. Diciamo un archivio ben assortito dal quale scegliere la tecnica più adatta per Uke in quel preciso momento. Continua a leggere

Imparare divertendosi, praticare col sorriso… #2

Seconda parte:
Il ruolo del formatore

Riferendoci a quanto scritto nel post precedente, da cui si rilevano i concetti basilari e appurato che è indubbia l’efficacia di questi strumenti per il benessere dell’individuo, occorre distinguere ruoli e momenti.
Se stimolo al cambiamento e comprensione sono favorite da un atteggiamento giocoso ed esaltate dal piacere di una bella risata, perché non utilizzarle per rendere più fruibili e meno pesanti i percorsi che decidiamo di affrontare nel nostro sviluppo sia come operatori shiatsu, ma anche come insegnanti?
Alcuni di noi oltre che operatori shiatsu (ed altre discipline per il benessere) sono anche insegnanti, questo ci investe di un compito ancora più importante che è quello di gestire il ridere, lo scherzare in modo costruttivo perché queste risorse si mantengano tali e se ne capisca il senso e non si trasformino in forme di demenzialità distruttiva che non porterebbero alcun beneficio. Quando si affronta un percorso evolutivo è fondamentale una profonda ricerca di se stessi, uno sviluppo spesso basato sull’introspezione e l’ascolto, una attenta analisi fatta di piccoli passi a volte anche impegnativi e non sempre indolori. E’ chiaro che se queste fasi di crescita sono spesso caratterizzate da “fughe” costruite sulla battuta ad ogni costo, il risultato del percorso non potrà che essere superficiale e di costituzione fragile.
Lo sviluppo dell’ascolto, strumento principe dell’operatore shiatsu (ma anche dell’insegnante…), si basa anche sulla comprensione del momento giusto per lasciar nascere la risata e su quello dove è costruttivo gestire il gioco.
Facciamo bene attenzione, non sempre una risata, utile per un allievo in quel dato momento, è utile anche per il compagno che in quel momento affronta un importante passo dentro di se, quindi il compito del “formatore” è di capire e gestire in modo costruttivo l’ilarità del gruppo. Un formatore (badate bene che non ho scritto insegnante o istruttore) deve “costruirsi” la giusta autorevolezza grazie alla quale essere sempre in grado di sfruttare le opportunità più idonee alle diverse fasi evolutive degli allievi. Continua a leggere

Imparare divertendosi, praticare col sorriso… #1

Prima parte:
Sorridere alla vita…Shiatsu demenziale o filosofia del crescere divertendosi?

Alcuni anni fa scrissi un articolo che affrontava un argomento, a mio avviso, “importante”, ovvero, se lo shiatsu, che è una cosa estremamente seria ed è insegnato in modo altrettanto serio, in quanto percorso evolutivo, può trasmettere il suo profondo messaggio anche attraverso forme di gioco; in pratica, ridendo e scherzandoci su.

Alla luce di numerosi confronti avuti con vari colleghi che avevano letto l’articolo, e di numerose ulteriori esperienze fatte, mi trovo nuovamente a riflettere sull’argomento.

Avrei intenzione di riprendere alcuni passi del vecchio articolo e introdurre nuovi punti di vista; di recente ho avuto modo di assistere a un dotto intervento di un famoso giornalista internazionale che parlava di “slow economy” e, fra le varie interpretazioni del grande movimento dell’attuale recesso mondiale, mi ha colpito il confronto fra il concetto legato a PIL (prodotto interno lordo) ed una nuova “codifica” denominata FIL (felicità interna lorda) introdotta dal Bhutan, un piccolo stato appollaiato sulle cime dell’Himalaya. Il paradosso è mostrato dal fatto che il PIL incrementa in modo esponenziale in caso di incidenti, catastrofi e calamità varie perché questi eventi riescono a movimentare enormi quantità di capitali, in virtù di gran dolore e disagio…di conseguenza si fonda il livello economico di un paese sul suo dramma. Il FIL si basa sul livello di soddisfazione delle persone e sulla qualità della vita e dei servizi offerti, tanto che anche il governo francese ne ha avviato la sperimentazione.

Continua a leggere